giovedì 27 aprile 2017

LINGUINE CON LUMACHE STUFATE


Oggi, 27 aprile 2017, è la giornata del Calendario del Cibo Italiano by MTChallenge dedicata a lumache e rane e per celebrarla ho deciso di preparare questa ricetta con le lumache.
Le ho scoperte quando ero da poco maggiorenne.
Prima mi ero sempre rifiutato di prendere in considerazione anche solo l'eventualità di assaggiarle.
A luglio mi ero diplomato e trascorrevo i weekend a Gallarate a dare una mano a mio padre.
In un weekend di autunno, appena arrivato vengo a sapere che eravamo stati invitati a quella che viene chiamata, in edilizia, la cena del tetto e che, come si può desumere, viene organizzata quando la nuova costruzione arriva alla realizzazione del tetto.
Arrivati in trattoria, dopo le presentazioni (conoscevo solo l'impresario cliente di mio padre), partiamo con un classico antipasto. 
Se mettiamo a tavola una ventina di donne possiamo stare sicuri che nel giro di pochi minuti partirà un cicalleggio che raggiungerà un elevato numero di decibel. Questo è niente quando a tavola ci sono una ventina di muratori. Sarà per l'abitudine dovuta al fatto che in cantiere raramente si parla, il più della volte si urla, ma vi assicuro che quello delle donne diventa un sottofondo quasi musicale.
In questo contesto sonoro i camerieri cominciarono a servire i primi e uno di questi erano degli spaghetti con un sugo di pomodoro con dei pezzetti scuri.
Non mi sono posto il problema di chiedere anticipatamente cosa fossero; li ho mangiati e apprezzati tanto che feci il bis.
Solo dopo i primi bocconi compresi dalle parole dei miei vicini di posto che avevo mangiato le lumache.
Da allora le ho mangiate stufate con la polenta, con la pancetta, con gli spinaci, alla bourguignonne e in tanti altri modi,
C'è un ristorante a Lonato (BS) dove puoi cenare con portate tutte a base di lumache che ho provato personalmente. Ottima cena ma per un anno non ho voluto più mangiarne.


Inizialmente avevo pensato di preparare le lumache stufate con la polenta ma sono venuto a sapere che Elena del blog Zibaldone Culinario aveva avuto la stessa idea, cosa già successa in diverse occasioni; siamo probabilmente telepatici.
Da tempo ho in mente di preparare un risotto con le lumache ma è passata da poco la giornata dedicata al risotto alla parmigiana per cui alla fine ho deciso per questa ricetta.
In realtà ho preparato anche delle lumache avvolte nella pancetta da servire con l'aperitivo ma no riesco a preparare il post in tempo per cui pubblicherò prossimamente la ricetta.
Ho utilizzato delle lumache precotte in quanto non avevo tempo di spurgarle e fare una cottura completa. Quando preparerò le lumache allo sbrúnsü, ricetta tipicamente bresciana, farò la procedura completa con il metodo insegnatomi dalla mia prima suocera.





INGREDIENTI (per 4 persone)
320 g di linguine di grano duro
Una trentina di lumache già spurgate
250 g di passata di pomodoro
Una cipolla
Una carota
Una costa di sedano
Spicchio d'aglio
Mezzo cucchiaino di zucchero
Olio extra vergine di oliva
Sale

PREPARAZIONE
Pulire a tagliare a dadini piccoli la cipolla, la carota e il sedano.
In una padella versare un filo d'olio evo, aggiungere le verdure e lo spicchio d'aglio e fare soffriggere a fuoco moderato. Quando le verdure si saranno appassite togliere l'aglio a aggiungere la passata di pomodoro e lo zucchero. Continuare a cuocere a fuoco moderato per una decina di minuti.
Mettere a bollire abbondante acqua salata.
Aggiungere le lumache alla salsa di pomodoro e fare cuocere, sempre moderatamente, per una ventina di minuti.
Mettere le linguine a cuocere e poco prima del termine della cottura scolarle e metterle nel sugo. Fare saltare le linguine con il sugo aggiungendo un filo d'olio evo e, se necessario, un poco di acqua di cottura.
Con una pinza e un mestolo formare un nido di linguine e metterlo al centro del piatto, posizionare qualche lumaca intorno e nel centro del nido e distribuire la salsa a pioggia.
Volendo si può aggiungere del formaggio grana grattugiato. Io non l'ho messo perché volevo che il sapore delle lumache non venisse coperto da altro.
Stampa il post

4 commenti:

  1. e' vero siamo telepatici, secondo me perchè abbiamo gli stessi gusti, amiamo gli stessi sapori, non può che essere così! Mai assaggiate le lumache con la pasta o con il riso, ecco un nuovo spunto di ricerca!!
    Complimenti, un gran bel piatto!
    Anche qui si fa la cena del tetto con i muratori, non è un'abitudine solo vostra e si mette anche la frasca sulla punta (questa usanza però è ormai in disuso). ciao, a rileggerci presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da noi si mette la bandiera, italiana di norma. Pensa che una volta un cliente per prenderci in giro aveva messo la bandiera del milan (il minuscolo è voluto)

      Elimina
  2. Ma sbaglio o la tua zona e' rinomata, per le lumache? perche' mi sembra che fossimo in Franciacorta, quando mia figlia le ha volute assaggiare per la prima volta- e ultima, ahime'. somiglia alla madre. Mio marito pero' era felicissimo di mangiare anche quelle della creatura e apprezzerebbe di sicuro anche questo piatto. Godibilissimo post, come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbagli. Da noi con l'aperitivo o come antipasto ci sono sempre quelle avvolte nella pancetta (non sono riuscito a pubblicare per questioni di tempo ma ho fatto anche quelle. Altre tipiche della vigilia di Natale dono allo sbrunsù (le mie preferite) e quelle con gli spinaci. La Manu adora quelle con la pancetta e si mangia anche quelle che non mangiano gli altri commensali

      Elimina