giovedì 5 aprile 2012

TAGLIATELLE AL CACAO, AGLIO E ... CAFFÈ



Mio figlio critica spesso le mie ricette perché dice che faccio sempre cose "strane" e che lui preferisce i piatti tradizionali. Anche in questo Giacomo e Rossella sono assolutamente differenti. Lui è un tradizionalista mentre Rossella è più aperta a sperimentare nuovi sapori e profumi.
È quindi immaginabile la mia sorpresa quando Giacomo mi ha chiesto di fare un piatto con cacao, aglio.
Visto che cacao e peperoncino si sposano più che bene ho subito pensato a delle tagliatelle al cacao condite con aglio, olio e peperoncino.
Rimaneva più di una perplessità sull'abbinamento cacao e aglio ed a questo punto Giacomo mi ha detto che per farli coesistere dovevo aggiungere il ... caffè. Alle mie rimostranze su un accostamento così ... ardito, mi ha risposto che aveva scoperto un sito dove viene indicato, credo in base alla combinazione chimica dei prodotti, quali alimenti hanno una coerenza di abbinamento e pare che se parti da cacao e aglio l'alimento che li rende coerenti è il caffè.
Chi volesse farci un giro il sito è Foodpairing.













A questo punto ho dovuto superare un altro ostacolo: Emanuela non beve e non le piace il caffé per cui dovevo pensare al caffè aggiunto solo al momento di impiattare. Non volevo altri sapori e ho quindi escluso il formaggio grattugiato e l'ho sostituito con i grani di caffè tritati al momento.
Dopo aver partecipato all'MTC di gennaio dove andavano preparate le tagliatelle stendendo la sfoglia rigorosamente a mano, mi sono lasciato prendere la mano e anche stavolta ho preso il mattarello e mi sono venute ancora meglio. Chissà alla prossima.
Esito finale? A detta dei commensali le tagliatelle al cacao così condite erano, loro termine, "spettacolari"; Giacomo ed io abbiamo aggiunto la granella di cacao ed il risultato è stato sorprendente. Penso che si possaottenere un risultato ancora più soddisfacente aggiungendo la granella di caffè direttamente nel condimento.




INGREDIENTI (per 4 persone)
200 g di farina
2 uova
2 cucchiaini di cacao amaro
2 spicchi d'aglio
Peperoncino
Olio extra vergine d'oliva
Sale
Chicchi di caffè

PREPARAZIONE
Per la realizzazione delle tagliatelle ho seguito fedelmente quanto riportato da Ale in occasione dell'MTC di gennaio per cui per la descrizione dettagliata della preparazione vi rimando qui.
In una padella versare l'olio EVO, l'aglio leggermente schiacciato ed il peperoncino a piacere a fare scaldare a fuoco moderato (a bassa temperatura gli aromi dell'aglio e del peperoncino si trasmettono all'olio senza il rischio di bruciare.
Versare le tagliatelle in una pentola con abbondante acqua salata e cuocerle; bastano 4-5 minuti ma, come dice Cracco, la pasta all'uovo non teme la cottura un po' più lunga.
Nel frattempo mettere i chicchi di caffè tra due foglio di carta forno o tra un asciughino e con il batticarne frantumarli bene.
Quando saranno cotte scolare le tagliatelle, versarle nella padella e condirle bene.
Mettere le tagliatelle nel piatto e spolverarci sopra il caffè sminuzzato.
Stampa il post

10 commenti:

  1. ma che spettacolo, Gianni!
    Sperimentazione ardita ed estremamente interessante! Mi piace, mi piace!!

    RispondiElimina
  2. Anch'io conosco quel sito ma non l'ho mai studiato molto bene, mi ci dovrei applicare! Quella del caffè in polvere l'ho vista una volta in tv. Tra 'espertoni' ne parlavano come di una cosa conosciuta ma qui, in camera caritatis, te lo posso confessare: io la sentivo per la prima volta né l'ho mai provata... Con la tua raccomandazione dovrò farlo:)))

    RispondiElimina
  3. Fammi capire: tu hai creato un mostro :-) (e se il buongiorno si vede dal mattino, mi metto comoda, perchè da Giacomo ce ne aspetteremo delle belle)
    Ma anche noi, non siamo da meno: impastare di nuovo a mano, e di nuovo le tagliatelle... una nursery da far paura, insomma!
    Scherzi a parte: questa versione qui avrebbe messo in seria preoccupazione la Ale Only Kitchen. Abbinamenti assolutamente perfetti, tanto da fare incuriosire pure me che, al pari di Emanuela, non impazzisco per il caffè, neanche nella tazzina. Ma per queste tagliatelle, farei un'eccezione (e pure abbondante)
    Complimenti alla squadra!
    e già che ti intercetto: buona Pasqua a tutti
    Ale

    RispondiElimina
  4. Azzardato questo abbinamento, ma sono sicuro che non ne è avanzato nemmeno una forchettata!! Grandissimo ;)

    RispondiElimina
  5. prima di tutto devo dirti quanto mi piace la vostra complicità in cucina, questo scambio di consigli, opinioni e lavoro a 4, 6, 8 mani! bellissimo!
    poi passiamo alla ricetta, la pasta al cacao la faccio e mi piace moltissimo, il caffè non lo bevo perchè mi fa malissimo, non mi piace nei dolci ma credo che in un primo piatto invece mi farebbe impazzire!
    una spolverata di polvere decaffeinata e una granella di extra-fondente e sono mie!
    caro Gianni, abbraccio te ed Emanuela forte forte e vi faccio tanti auguri, naturalmente a tutta la tribù Senaldi!!

    RispondiElimina
  6. Mi pare che non manchi nulla a questo primo delizioso, incontra perfettamente i miei gusti, bravi entrambi ^_*
    Un abbraccio e a presto
    Sonia
    PS buona Pasqua!

    RispondiElimina
  7. Io vi amo.
    grande Giacomo e grande Gianni, non solo per la creazione, ma per la condivisione di questo sito...pazzesco.
    un saluto a tutti e quattro!
    baciiiiii e Buona Pasqua

    RispondiElimina
  8. Sono sempre molto incuriosita dagli accostamenti insoliti ma questa non l'avevo mai sentita! Vorrei davvero provarle queste tagliatelle!
    Una lode anche solo per aver avuto il coraggio di sperimentare. bravo bravo.
    A presto e tanti auguri di buona Pasqua

    RispondiElimina
  9. Ti faccio tanti auguri per questa Pasqua!

    RispondiElimina